La seconda notte di nozze – P.Avati, 2005

Bologna, 1947. In cerca di un futuro migliore la vedova Liliana (Katia Ricciarelli) e il figlio Nino (Neri Marcoré), aspirante attore che sbarca il lunario con attività truffaldine, si mettono in viaggio dall’Emilia verso la Puglia per raggiungere la masseria del cognato e zio Giordano (Antonio Albanese), ricco proprietario terriero che però non è sano di mente.

Commento (attenzione: può contenere spoiler)

Questa commedia è un ritratto a toni soffusi dell’Italia del Dopoguerra, che oppone lo spietato pragmatismo dei nullatenenti alla sognante generosità (tratteggiata con abbondante idealismo) dei “malinconici”, ovvero dei folli. Il tono è quello elegiaco e nostalgico che contraddistingue il cinema di Pupi Avati, per cui lo si ama o mal lo si tollera.

Pur non avendo particolari pretese, è una commedia che può vantare una buona commistione di ironia e sapiente caratterizzazione dei personaggi, anche quelli minori. Ottima la prova di Albanese.

★★★☆☆

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...