A proposito di Schmidt – A.Payne, 2002

about_schmidt_009

 

Warren Schmidt (Jack Nicholson) è fresco di pensione. La figlia è in procinto di sposarsi con un uomo che Warren non stima affatto. La vita scorre pigramente, fino a che un avvenimento improvviso non lo costringe a una riflessione.

Commento (attenzione: può contenere spoiler)

Ritratto di un uomo che alle soglie della terza età affronta la consapevolezza della propria mediocrità. Dopo aver perso la fiducia nel lavoro e nel matrimonio, capisaldi vita natural durante di ogni uomo medio, non resta che gettarsi alle spalle il passato mentre lo si esamina.

Esattamente ciò che fa Schmidt, ripercorrendo le proprie orme per poi tentare disperatamente di dissuadere la figlia da un’unione tanto assurda quanto disastrosa. Un obiettivo, come tutti gli altri della sua vita, puntualmente disatteso.

La salvezza giunge da un gesto istintivo, quasi inconscio, che spezza i muri invisibili dell’egoismo familiare e del consumismo borghese rivelando a Schmidt la vanità degli anni perduti e l’influenza della generosità, anche quella involontaria, nell’intreccio articolato dei rapporti umani.

La commedia è povera di gag, eccede forse in macchiettismo, ma può vantare una divertente Kathy Bates e si regge sul virtuosismo straordinario di Jack Nicholson.

★★★☆☆

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...