Best of 2019

ash-is-purest-white.jpg

1.I figli del fiume giallo (Jia Zhangke)
2. Burning – L’amore brucia (Lee Chang-dong)
3. The Irishman (Martin Scorsese)
4. Parasite (Bong Joon-ho)
5. Mademoiselle (Park Chan-wook)
6. Storia di un matrimonio (Noah Baumbach)
7. La casa di Jack (Lars Von Trier)
8. Il traditore (Marco Bellocchio)
9. Pinocchio (Matteo Garrone)
10. Oro verde – C’era una volta in Colombia (Ciro Guerra, Cristina Gallego)

Miglior regia
Noah Baumbach (“Storia di un matrimonio”)

Miglior attore
Pierfrancesco Favino (“Il traditore”)

Miglior attrice
Zhao Tao (“I figli del fiume giallo”)

Miglior sceneggiatura
Oh Jung-mi, Lee Chang-dong (“Burning – L’amore brucia”)

Miglior fotografia
Éric Gautier (“I figli del fiume giallo”)

Miglior montaggio
Thelma Schoonmaker (“The Irishman”)

Miglior colonna sonora
Lim Giong (“I figli del fiume giallo”)

Rivelazione dell’anno
Kim Tae-ri (“Mademoiselle”)

Miglior coppia
Scarlett Johansson e Adam Driver (“Storia di un matrimonio”)

Star Wars: L’ascesa di Skywalker – J.J. Abrams, 2019

star-wars-rise-skywalker.jpg

Malgrado gli effetti, nessun duello degno di questo nome nella nuova trilogia.

Fin dalle prime scene veniamo informati dell’esistenza di una tremenda flotta interstellare al servizio del redivivo (forse più redimorto) imperatore Palpatine, che offre a Kylo Ren l’antica saggezza dei Sith. La Resistenza lo bracca con una spedizione guidata da Rey, Poe e Finn, seguendo una pista tracciata a suo tempo da Luke Skywalker.

Accompagnati da una colonna sonora invadente e – come da tradizione – sfacciatamente manipolativa, gli eventi si susseguono a un ritmo incalzante subendo rovesciamenti continui. Si moltiplicano però, insieme alle sorprese, le gag forzate, i plotholes, i deus-ex-machina, le incongruenze palesi di una sceneggiatura grossolana. Le azioni dei personaggi non sono davvero significative, né obbediscono a una logica particolare, ma funzionano purché siano eseguite con rapidità e fragore. Una poetica “anything goes” in cui la Forza si trasforma da respiro vitale unificante a lotteria di superpoteri random-wise: taumaturgia, resurrezioni, morti viventi, teletrasporto, telepatia intergalattica e, udite udite, telecinesi contro le astronavi in moto.

Abrams cammina su un filo teso tra reverenza e referenza sopra il materasso del politicamente corretto, celebrando la trilogia classica in una sfilata circense di spettri e camei. Più che sequel si dovrebbe parlare di lapide cinematografica, un’appendice marmorea che consolida l’identità della saga senza estenderne l’afflato vitale.

★★☆☆☆

La recensione completa su Ondacinema.

Il peccato – Il furore di Michelangelo – A. Konchalovsky, 2019

 

malaparte-Il-Peccato-Il-Furore-di-Michelangelo.jpg

Una sorta di monolite kubrickiano all’inverso, inerte massa di materia bruta mondato di ogni virtù simbolica e metaforica, refrattario a qualsiasi interpretazione, grezzo e pesante – come il peccato.

Sul solco della poetica di Tarkovskij (del quale Konchalovsky fu assiduo collaboratore), “Il peccato – Il furore di Michelangelo” descrive i tormenti dell’artista sullo sfondo di un’epoca travagliata, girato in un’ottica visionaria che sottende ai vizi terreni un forte anelito alla trascendenza.

La parte centrale è dedicata alla leggendaria estrazione di un colossale blocco di marmo apuano (che ricorda in “Andrej Rublëv” la fusione della campana), “di grana unita, omogenea, cristallina, come lo zucchero”. Dopo immani fatiche e la morte di un cavatore il blocco fu trascinato fino alla spiaggia dell’Avenza, dove fu abbandonato per i debiti contratti dallo scultore e gli accordi violati con i Della Rovere.

Contraddistinto da un’estetica sontuosa, “Il peccato” esaurisce le proprie ambizioni colossali nella potenza della rappresentazione, assumendo in maniera integrale le caratteristiche salienti della scultura michelangiolesca – non solo la plasticità e la tensione, ma anche la tormentata staticità e la sensazione di incompiutezza.

★★★☆☆

La recensione completa su Ondacinema.

The Irishman – M. Scorsese, 2019

the_irishman_-_publicity_still_-_h_2019_.jpg

Pacino in un ruolo alla Pacino, De Niro in un ruolo alla De Niro. Un film che è filmografia dentro la filmografia, rimando intra-testuale alla meta-testualità, arguta contraffazione (il de-aging) storica e storico-filmica.

Va bene, è il capitolo che chiude la tetralogia mafiosa, ma per come ritrae la provvisorietà della gloria e il cocente senso di sconfitta che il tempo inocula in ogni impresa umana, il primo accostamento che viene alla mente è “Toro scatenato”. “The Irishman” ripercorre l’infiltrazione della malavita nelle unioni sindacali americane, ma senza il tono concitato e rampante di “Mean Streets”, “Goodfellas” e “Casinò”.  Con passo calmo e inesorabile, Scorsese inscena una parata funebre in cui figurano tutti gli spettri del suo cinema, un epos testamentario che si chiude (anzi, si socchiude) su una porta aperta.

pesci

Ha interrotto il proprio ritiro dalle scene (1999) per recitare in “The Irishman” con De Niro e Pacino. Non è una gara, ma per me li batte entrambi. Interpretazione splendida, articolata, impeccabile, raggiunta per “sottrazione”.

Nemmeno in “L’ultima tentazione di Cristo” e “Silence” echeggiava così nitidamente il grido di Qohelet. Ma la vanità delle imprese umane non viene riscattata dalla resurrezione o da un pentimento tardivo (la telefonata). La realtà, l’unica realtà, è fatta di penombre felpate e lampade dimmerabili, di corpi pesanti sempre più fragili, di ricordi sempre più sbiaditi, di silenzi sempre più inutili. “The Irishman” è la storia che si specchia nel tempo, e riconosce la labilità del proprio riflesso.

★★★★★

Parasite – B. Joon-ho, 2019

Simulazione

bong-joon-ho-1-958x639.gif

Casa Kim. La piccola scala, usata prima da Kiwoo e poi da Kijaeng, prefigura la loro ascesa.

La disagiata famiglia Kim si infiltra nella casa della facoltosa famiglia Park grazie al talento nel simulare esperienze che non hanno, competenze che non possiedono: un tutor senza diploma, un’insegnante senza materia, una governante senza curriculum, un autista senza automobile. Ma nella società marcatamente duale descritta da Bong Joon-ho, la vocazione a simulare non è prerogativa di un ceto: gli stessi Park ostentano beni stranieri (Mercedes), nomi americani, abitudini americane (i boy scout), sintomi di una febbre esterofila. In un’epoca dove è diventato il profilo a determinare l’identità piuttosto che il contrario, l’insistita simulazione di un profilo di successo accomuna classi povere e ricche del capitalismo globale.

Nicchia

parasite-lakdjflkja-13

Lee Ha Jun, production designer, ha ideato ex nihilo la casa dei Park su precise indicazioni del regista, che voleva una struttura stratificata dalle forme squadrate e i colori spenti.

La casa della famiglia Park, progettata appositamente per il film, è un enorme set a cielo aperto che materializza organicamente i desiderata del regista. Costruita su piani multipli, traboccante di scale e vetrate, funziona all’interno della diegesi come un’allegoria architettonica. Parlare di strati sociali più bassi non è una notazione metaforica ma residenziale in questo film (come in “Us“, curiosamente). I poveri abitano le cantine, i seminterrati, dove aria fresca e luce solare arrivano fioche e impure, filtrate dagli umori, dalle muffe. In un contesto di serrata competizione per le risorse primarie (spazio, cibo, luce), la famiglia Kim trova nella casa dei Park una nicchia endobiotica in cui sopravvivere e proliferare. Le scale, punto di maggiore mobilità dell’edificio, sono anche il luogo più pericoloso, catalizzano l’impulso a nascondersi e l’anelito a salire.

Le déluge!

scene01751

Le déluge! Sullo sfondo, una lunga rampa di scale.

Un parassita simula un profilo accattivante per ritagliarsi una nicchia all’interno dell’ospite. Fin qui, regolare. Il parallelo biologico non si concluderebbe senza l’avvento di un cataclisma che minaccia l’ecosistema di riferimento stravolgendone i fragili equilibri. E il cataclisma arriva, nella forma emblematica di un diluvio. Acqua che nei quartieri alti vale un pittoresco bivacco in salotto, e nei quartieri bassi un drammatico sfollamento. Tanto basta per innescare una esilarante catena di violenze, fino all’epilogo di una catabasi grottesca, sottolineata dall’ennesima plongée sull’ennesima rampa.

parasite_stairs

Scena conclusiva, prima dell’epilogo. Plongée verticale, lenta; impietosa.

Amaro, brillante, imprevedibile, il fresco vincitore della Palma d’Oro 2019 Bong Joon-ho realizza un’opera visionaria e cupissima, che per originalità e rigore è già fra i classici di questa decade.

★★★★☆

Joker – T. Phillips, 2019

joker_.jpg

Meme.

Ritratto dell’antieroe da giovane.

Arthur Fleck, alias Joker, patisce nell’ordine un disturbo neurologico, un pestaggio, un licenziamento, un secondo pestaggio, la diserzione dei servizi sociali, un terzo pestaggio da parte del presunto padre – che rimane presunto perché la madre (colpita da infarto nel frattempo) soffre di delirio psicotico. E poi lo picchiavano da piccolo. Ci manca solo che Todd Phillips, il regista, sieda di fianco allo spettatore sussurrando: “Hai visto, poverino?”

La goffa strategia di manipolazione comincia con la sceneggiatura artificiosa e continua con la regia espressionista, ovvero consciamente orientata a rappresentare la realtà attraverso un filtro emotivo. Gli ambienti squallidi, le luci opache, l’utilizzo scolastico del commento musicale, i bruschi e sconnessi movimenti di macchina, ogni elemento converge nell’ostinata evocazione di una diegesi ansiogena che riflette i turbamenti psichici del protagonista sullo sfondo di un’insurrezione urbana.

31fd1e50-a47d-11e9-b7ff-cc290e24c5ef.png

Un clownesco De Niro inscena le follie della società? O non siamo piuttosto noi ad aver plasmato le nostre vite sul modello farsesco del nostro riflesso mediatizzato?

Chiarissima l’ispirazione scorsesiana, che riprende da “Taxi Driver” i vagabondaggi metropolitani (e il personaggio di Phoenix), da “The King of Comedy” la deriva mediatica (e il personaggio di De Niro). Tuttavia, rispetto ai modelli citati la problematizzazione della sociopatia indotta, dell’alienazione urbana, delle disuguaglianze implicate dal capitalismo americano, si risolve in caricature fumettistiche; difficile cogliere nel sottotesto politico più di una vaga denuncia contro la disuguaglianza e un simpatetico accenno alle tesi più ingenue del positivismo sociale: ovvero, che non sono i criminali che rendono la società ingiusta ma è la società ingiusta che produce criminali.

Al di là dell’eccellente interpretazione di Joaquin Phoenix, il film ha ambizioni autoriali e telaio da blockbuster, e conferma entrambi gli aspetti nell’estetica compiaciuta che lo spinge a epicizzarsi, tra danze al ralenti sulle scalinate e carcasse di automobili in fiamme. I pregi e i difetti sono difatti gli stessi dell’epica: la capacità di avvincere è proporzionale alla banalità dei suoi stereotipi.

★★☆☆☆

Le verità – H. Kore’eda, 2019

laverite-001-maxw-824.jpg

Una fotografia slavata e tiepida, come un album di famiglia.

In occasione della pubblicazione delle sue memorie, Fabienne, storica diva del cinema francese, riceve a Parigi la figlia Lumir, con al seguito il compagno Hank e la figlia Charlotte. Allo scenario domestico fa da contraltare il set sul quale Fabienne gira un melò fantascientifico dove interpreta una figlia invecchiata a cui la madre più giovane (la stella in ascesa Manon Lenoir), congelata nello spazio, torna a far visita ogni sette anni.

Kore’eda prosegue l’analisi della disgregazione dei ruoli familiari, articolandola tramite una frammentaria mise en abyme in cui i due livelli della diegesi si riflettono in una sorta di specularità inversa. Lumir, figlia a cui manca la madre, si riconosce in Manon, che sul set è una madre a cui manca la figlia; Fabienne cerca invano l’identificazione con lo stesso personaggio, eternamente giovane.

Le tensioni latenti fra madre e figlia, alimentate dalla memoria di un lutto, evocano le atmosfere di “Father and Son” e “Still Walking“, stemperate però dalla verve di Catherine Deneuve che ammicca furbescamente alla Swanson di “Sunset Boulevard“.

★★★☆☆

La recensione completa su Ondacinema.

 

Aladdin – G. Ritchie, 2019

aladdin-disney-movie-2019-pic8.jpg

Il lato peggiore del nuovo Aladdin: azzerato il carisma del miglior villain di sempre.

Una compagnia come la Disney merita un presente migliore. Dopo avere deturpato la saga di Star Wars, l’ennesimo capitolo dei rifacimenti live-action dei classici d’animazione. Destinato soprattutto a un pubblico di minori o nostalgici, il nuovo “Aladdin” come prevedibile non regge al confronto con l’originale, al quale vorrebbe disperatamente assomigliare.

★★☆☆☆

La recensione completa su Ondacinema.

I figli del fiume giallo – J. Zhangke, 2019

Tre spunti per meglio comprendere il film più bello di questa (quasi) metà del 2019.

Close-up

Ash-Is-Purest-White-1-620x336.jpg

Usciti per un piatto di ravioli al vapore, Qiao e Bin si trovano improvvisamente circondati.

Premuto contro i personaggi, lo sguardo della telecamera sembra volerne costantemente arginare gli sforzi, le passioni, gli impeti, gli slanci, inchiodandoli a un destino tanto più fosco quanto più liberamente lo si è scelto, come nel caso di Qiao, innamorata del cinico Bin contro ogni evidenza.

Ma in fondo il contenuto di un’inquadratura è definito soprattutto da ciò che vi è escluso, e allora la serrata sequela di close-up non è che un modo per rendere invisibile e incerto ciò che lo è per definizione, ovvero il futuro, lasciandolo tracimare nel profilmico con rapidità esiziale – l’aggressione allo stesso Bin, per esempio.

Edilizia

tumblr_pmoc1u7WUT1vk46k4o1_500.jpg

Palazzi in serie, cantieri, edifici diroccati in primo piano e una scintillante skyline sullo sfondo. Malgrado l’assenza di figure, l’immagine descrive la società umana in maniera eloquente.

I numerosi scorci urbani, di periferia o metropoli, di città abbandonate o in costruzione, sono un tratto riconoscibile della poetica di Zhangke. L’edilizia si impone dunque come un fattore estetico di primario interesse per comprendere la visione del regista. Il processo di costruzione, emigrazione e ricostruzione caratterizza la società umana in generale, oltre che il selvaggio sviluppo della Cina moderna.

Ma l’edilizia si configura anche come riverbero, quasi espressionista, degli stati d’animo: impegnati in una incessante ricostruzione dei desideri, dei sentimenti, delle loro vite martoriate – potremmo quasi chiamarla una “edilizia emotiva” -, i personaggi di Zhangke rovesciano la tradizionale opposizione fra città (o civiltà, dopotutto l’etimologia è la stessa) e natura. In una rete urbana pervasa da tensioni latenti e pericolosi equilibri di potere, che si alternano in una frenetica ridda, l’individuo riacquista il proprio senso di umanità a contatto con l’indifferente immensità del mondo naturale: i paesaggi vasti, i cieli notturni, le sabbie del Gobi, gli altipiani vulcanici, i treni che li attraversano.

Spazio

Ash-Is-Pure-as-White_FEATURE-1600x900-c-default.jpg

Tre livelli di prospettiva, come negli antichi dipinti shanshui: umanità e tecnologia, paesaggi antropici e infine la massa scura di un vulcano (forse) dormiente. L’inquadratura veicola magistralmente l’illusione del controllo e la forza travolgente del fato (direbbe Leopardi, il brutto poter che ascoso a comun danno impera…)

Insomma, l’opera di Zhangke è narrativamente eversiva: invece di usare un lasso di tempo per raccontare uno spazio determinato, sembra voler utilizzare lo spazio per raccontare il tempo, o più precisamente, un’epoca: la rapida evoluzione della RPC in un contesto traumatico nel quale antichi riti e valori secolari convivono con le rispettive negazioni.

Ai frequenti piani ravvicinati si alternano in un vivido contrasto sontuose panoramiche in cui ritroviamo intatto il prezioso legame tra umanità e territorio, minacciato dalle recenti politiche ambientali del governo cinese tra le quali figura, citata in maniera esplicita, la mastodontica Diga delle Tre Gole sullo Yangtze, che ha sommerso un migliaio di inestimabili siti archeologici, estinto specie vegetali e animali e costretto all’esodo milioni di persone.

Dopotutto nel titolo originale, “figli e figlie del Fiume Giallo” (jianghu er nu) è già implicito il gioco di corrispondenze che accosta le singole storie alla grande terra che maternamente le accoglie, le nutre, le stringe e le divora.

★★★★★

La caduta dell’impero americano – D. Arcand, 2019

5c6c335a2aa7ae864b8b45ba.jpg

Benestante, istruito, over-qualified, disilluso, insoddisfatto. Il protagonista è il ritratto medio della gioventù occidentale.

Trentaseienne dottore in filosofia che lavora come fattorino trova la refurtiva di una rapina. Che fa, li tiene? Lo sguardo caustico di Arcand era già acuto e incisivo nei confronti dell’Occidente contemporaneo fino almeno dai tempi de “Il declino dell’impero americano” (1986), passando per l’eccellente “Le invasioni barbariche” (2003, Oscar come miglior film straniero, miglior sceneggiatura a Cannes).

Nichilismo dei valori, amore liquido, rapporto tra benessere economico e felicità sono temi che tornano prepotentemente attuali ne “La caduta dell’impero americano”. Riflessione parodica sul neoliberismo, dilapida un promettente patrimonio di spunti in una storia dal ritmo lasso.

La recensione completa su Ondacinema.

★★☆☆☆