Ballata macabra – D.Curtis, 1976

06-1.jpg

La famiglia Rolf (I coniugi Rolf sono Oliver Reed e Karen Black, il figlio è Lee Montgomery e la parte di zia Elizabeth spetta alla mitica Bette Davis) affitta per l’estate una splendida villa neo-classica nella campagna californiana. I padroni di casa, i fratelli Allardyce, pongono un’unica condizione alla famiglia: continuare ad occuparsi della madre anziana, che vive nell’attico.

burntblack.jpg

Commento

Ballata macabra è un horror psicologico che si regge su una struttura molto semplice: introdurre una famiglia in una casa e osservare come essa si disgreghi sotto l’influenza nociva di una misteriosa minaccia soprannaturale. Al misterioso male che corrode i personaggi dall’esterno si aggiungono gli inconfessabili problemi che affliggono il nucleo familiare, celati sotto lo schermo confortante del conformismo alto-borghese: sopiti istinti di violenza e dominio, avversione sessuale, menzogna.

Curtis utilizza sapientemente luci e colori secondo gli stilemi del genere, creando scene di sicuro impatto con pochi e sobri accorgimenti. Poteva esplorare più a fondo il crinale della traumatologia psicologica negli ambienti familiari, così come poteva imprimere maggior ritmo ad una storia che, come una foglia, finisce per cadere più o meno dove ci si aspetta che cada.

Rimane comunque un buon horror, un soggetto intrigante per gli amanti del genere. Senza dubbio ispirò The Shining (1980), che lo ricorda non soltanto per l’ambientazione, ma anche per l’inquietante senso labirintico di ineluttabile circolarità che opprime ed intrappola i personaggi.

★★★☆☆

burntofferings1.jpg

Lo scopone scientifico – L.Comencini, 1972

b76f60b1b101bd7b34a0ccdfc2893dff.jpg

Definito dal regista Luigi Comencini come una “giusta favola sulla lotta dei deboli contro i potenti”, bisogna dire che in effetti non solo l’intreccio narrativo, ma anche la scenografia evoca toni fiabeschi. I miserabili Peppino (Alberto Sordi) e Antonia (Silvana Mangano) vivono con cinque figli nella sordida baraccopoli di una periferia romana e sbarcano il lunario commerciando in robivecchi e imbellettando cadaveri per conto di una vicina pompa funebre.

Come ogni anno, un’anziana miliardaria americana (Bette Davis), travestita da filantropa, si reca nella sua regale villa romana e invita Peppino e Antonia per una partita milionaria a scopone scientifico. I milioni, manco a dirlo, li mette lei, e ogni anno se li rivince. Questo però sembra essere l’anno buono per i due poveracci, che una sera riescono a portare a casa un’insperata vittoria. Ma è solo l’inizio di un tremendo gioco al rialzo…

Il film si regge su un fragile doppio chiasmo di tensioni latenti, rappresentate dai rispettivi personaggi: da un lato Silvana Mangano, ambiziosa e spietata come Bette Davis, e dall’altra i rispettivi consorti, trascinati in un gorgo caustico di azzardo violento da cui traggono più ansie che speranze. Eppure le coppie che concretamente si fronteggiano al gioco sono invece i popolani Sordi e Mangano da un lato, e la miliardaria e il suo asservito cicisbeo, dall’altro.

scopone1.jpg

Sullo sfondo giace, come spesso nella filmografia comenciniana, il contrasto fra le classi. Nel perverso gioco del mondo, le cui regole sono fondate sul perseguimento di un’unico obiettivo – il denaro, che dà potere, o il potere, che dà denaro – l’alienazione è tale che persino la violenza non è contemplata, se non dall’unico sguardo disincantato che giunge (anche questo un comune refrain comenciniano) dagli occhi dell’infanzia.

Occhi diversi da quelli, celebri e tremendamente belli, di Bette Davis, attrice di levatura cosmica che getta sul film, come in tutti i suoi film, una sfavillante e tetra malia.

★★★☆☆