Gangster No.1 – P.McGuigan, 2000

Older_Gangster_No1.jpg

Storia dell’ascesa di un violento, innominato psicopatico (Paul Bettany, da giovane; Malcolm McDowell, da adulto) ai vertici della criminalità organizzata londinese. Dapprima accolto sotto l’ala del potente Freddie Mays (David Thewlis), il giovane saprà imporsi mediante una spirale crescente di massacri e violenze.

Commento (attenzione: spoiler)

Il riferimento più ovvio è Scarface (1983), ma questo crime drama attinge a piene mani da altre illustri opere del genere. Per le scene di efferata violenza, spesso condita da punte gratuite di sadismo, ricorda Tarantino ed Arancia meccanica (1971). Il finale è praticamente una fotocopia di C’era una volta in America (1984).

Con poca originalità, poco sforzo e molta brutalità, Gangster No.1 racconta l’universo della mafia londinese e si discosta con coraggio dai canoni del moderno cinema british. Regia senza sussulti, sgradevolmente fissa, eccedente in primi piani. Pregevole la colonna sonora curata da John Dankworth.

★★☆☆☆

gangster-no-1-DI.jpg

Arancia Meccanica – S.Kubrick, 1971

clockworkorangecostume

Londra, un distopico futuro prossimo. Il giovane Alex (Malcolm McDowell) e i suoi amici commettono efferate violenze senza alcuna ragione.

Commento

Il titolo deriva da un detto londinese degli anni ’60, volto a indicare un oggetto all’esterno apparentemente normale (un’arancia), ma in realtà caricato a orologeria (clockwork), ovvero dotato di una natura contorta e imprevedibile. In questo caso il riferimento è diretto ai protagonisti, giovani ordinari durante il dì, violenti criminali durante la notte. Il film è un affresco contemporaneo sul libero arbitrio, unico residuo baluardo etico che fronteggia l’abisso nichilista: i drughi non hanno un motivo specifico per compiere efferatezze, ma neppure motivi per non compierne. La libertà di cui dispongono e l’assenza di mete verso cui dirigerla si traduce in un sistematico uso dell’arbitrio per sfogare istinti perversi e brutali.

Burgess, autore dello splendido romanzo da cui il film è tratto, non nasconde che l’orizzonte da cui parte la composizione dell’opera è specificamente cattolico. Difatti il libero arbitrio, inteso come la facoltà per l’individuo di scegliere il bene o il male, si configura come un valore supremo e irrinunciabile – anche quando viene impiegato erroneamente. Difatti la società, nella sua opera di correzione, applica metodi di condizionamento brutali quanto (e forse anche più) i crimini commessi dal ragazzo. In questo meccanismo di formattazione psicologica, Burgess (e Kubrick) intravedono un pericoloso strumento di potere. Quando, dunque, una persona smette di essere una persona e diventa un’arancia a orologeria (meccanica)? Quando essa delega la propria facoltà di arbitrio (e di pensiero) all’organismo governativo.

Grandissima parte ha la colonna sonora, che spazia fra Rossini, Beethoven, Purcell e distorsioni delle medesime in chiave elettronica (la celebre scena dell’amplesso a tre commentata da un Guglielmo Tell vertiginosamente accelerato), a cui fanno eco le distorsioni della telecamera, frequenti grandangoli, poi soggettive, accelerazioni e decelerazioni. La celebre scena del Singin’ in the rain (improvvisata) segna il pervertimento dell’apollineo al dionisiaco in un parodico passaggio dalla Hollywood rassicurante e patinata di Gene Kelly al cupo universo kubrickiano.

★★★★★