Barton Fink – Coen Bros, 1991

barton_fink_2

Giovane commediografo ebreo di successo si trasferisce da New York a Hollywood in cerca di un successo più grande. Il suddetto, nome Barton Fink (John Turturro), prende dimora in uno hotel fatiscente e fa amicizia con Charlie Meadows (John Goodman), invadente vicino di camera.

In preda ad una crisi creativa e pressato dal produttore, chiede aiuto a uno scrittore alcolizzato. Ma una serie di eventi assurdi lo porterà a fare i conti con l’unica cosa che, nonostante le sue convinzioni, ha sistematicamente fuggito nella sua professione: la realtà.

Commento

Palma d’oro a Cannes, Barton Fink denuncia lo scarto fra il mondo dell’artista e l’artista nel mondo. È forse una critica dell’egocentrismo spietato degli artisti, forse una critica dei processi di massificazione dell’arte (in particolare, la produzione hollywoodiana), forse una denuncia di quanto l’arte sia diventata impotente di fronte al dolore e alla violenza, forse tutto questo insieme.

Piccola pietra miliare del genere grottesco. La trama salta di palo in frasca senza mai lasciarsi cogliere. Non si può fare a meno di lasciare questo film con una leggera sensazione di malessere. I Coen sono abili nel disegnare in pochi tratti personaggi indimenticabili, interpretati da attori eccellenti: Turturro, Goodman, Polito, Lerner e Buscemi.

★★★☆☆